15 49.0138 8.38624 1 0 4000 1 https://www.mesagne.tv 300 true

Brindisi, mazzette in Tribunale: un giudice tra i 6 arrestati. Indagate 21 persone, anche due magistrati.

Professionisti e magistrati della Fallimentare di Brindisi sono stati arrestati stamattina dalla Gdf su ordine della Procura di Potenza con le ipotesi di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione in atti giudiziari. Tre persone in carcere (il giudice Gianmarco Galiano, l’imprenditore Massimo Bianco e il commercialista Francesco Pepe Milizia) e altre tre ai domiciliari: l’ex moglie di Galiano, l’avv. Federica Spina, l’avv. Francesco Bianco e Annalisa Formosi, moglie di Pepe ed ex presidente ordine ingegneri Brindisi. L’imprenditore Massimo Bianco e e l’avv. Francesco Bianco sono legati da rapporti di parentela (cugini).

Ci sono 21 persone indagate, tra cui due magistrati: Francesco Giliberti e Giuseppe Marseglia, «indagati a vario titolo e secondo la rispettiva responsabilità», in servizio nella sezione Fallimentare del capoluogo dove si trova il Procuratore della Repubblica di Potenza, Francesco Curcio.

Per quanto riguarda Marseglia, la sua «posizione sembrerebbe assolutamente marginale rispetto al complesso delle condotte contestate»

I NOMI DEGLI INDAGATI 

–  Ada Argentieri, 69enne di Francavilla Fontana

–  Francesco Bianco, 47enne di Francavilla Fontana

–  Massimo Bianco, 50enne di Francavilla Fontana

–  Maria della Crove Brunetti,  78enne di Manduria

–  Mauro Calò, 44enne di Galatina

–  Antonio De Giorgi, 50enne di Brindisi

–  Olga Desiato, 41enne di San Pietro Vernotico

–  Annamaria Di Coste, 44enne di Francavilla Fontana

–  Pietro Di Coste, 47enne di Francavilla Fontana

–  Annalisa Formosi, 43enne di Francavilla Fontana

–  Vincenzo Francioso, 54enne di Mesagne

–  Gianmarco Galiano, 49enne di Manduria

–  Francesco Giliberti, 59enne di Martina Franca

–  Concetta Alessandra Lapadula, 52enne di Francavilla Fontana

–  Giuseppe Marseglia, 43enne di Bari

–  Alessia Modeo, 49enne di Manduria

–  Rocco Palmisano, 58enne di Francavilla Fontana

–  Marina Peluso, 44enne di Nardò

–  Oreste pepe Milizia, 44enne di Brindisi

–  Massimo Ribezzo, 58enne di Oria

–  Federica Spina, 48enne di Mesagne

FALLIMENTI PILOTATI E INCARICHI SPARTITI – Ruota attorno a incarichi giudiziari e consulenze, che sarebbero stati «spartiti” illecitamente l’inchiesta della procura di Potenza sull’attività della sezione fallimentare del Tribunale di Brindisi che ha portato all’arresto di un giudice civile, Gianmarco Galiano, e di altre cinque persone.

Tra i 21 indagati, tredici sono coloro che sono accusati di avere partecipato a una associazione per delinquere. Secondo quanto contestato, l’associazione sarebbe stata composta da professionisti e consulenti e finalizzata a compiere reati di corruzione in atti giudiziari, falsi in atto pubblico, concussioni, abusi d’ufficio, riciclaggio, autoriciclaggio ed emissione di fatture per operazioni in esistenti.

Ruolo di capo e promotore è attribuito al giudice Galiano, già coordinatore della sezione distaccata di Francavilla Fontana e poi giudice della sezione Fallimenti del Tribunale di Brindisi, che con Oreste Pepe Milizia (con ruolo di organizzatore) commercialista e l’imprenditore Massimo Bianco, oltre ad altri imprenditori e professionisti, avrebbero influito o dato la disponibilità a influire sulle decisioni giurisdizionali. Nel mirino anche sponsorizzazioni «gonfiate» per la barca a vela di Galiano che sarebbe stata utilizzata anche da altri componenti dell’associazione per delinquere.

Per restare aggiornato seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina facebook, pubblicheremo al più presto tutti gli aggiornamenti in merito.  Ricordiamo che cliccando “MI PIACE” sulla pagina https://www.facebook.com/mesagnetv/ è possibile seguire tutte le NEWS da facebook.   Visitate il sito https://www.mesagne.tv/   Potete contattarci scrivendo un messaggio al numero +393394492356 dove è possibile effettuare segnalazioni via WhatsApp. E’anche possibile inviare immagini ed osservazioni all’indirizzo mesagnetv@mesagne.tv

Precedente
Successivo